Freccia Espandi icona per icone 8

I miei lavori

libro uccellaccio di kafka
Anno: 2019
Lavoro svolto: editing
Casa editrice: Caffèorchidea
Autore: Attilio Del Giudice
Titolo: L’uccellaccio di Kafka
Pagine: 160

Un autore convoca in un hotel tutti i suoi personaggi. Un pittore si innamora del soggetto di una sua incisione. L’uccellaccio di Kafka è solo un’invenzione, eppure Franz sente il suo peso, lo avverte come un pericolo che non gli concede tregua. Un filo sottile sottende alle mille peripezie di un giorno qualsiasi; su quel filo nascono e vibrano le storie di questi racconti. A volte i protagonisti sanno danzare, si concedono al rischio di un’avventura, ne escono vittoriosi. Altre li vediamo cadere, come personaggi di Balzac che rivivono nei loro turbamenti.Con poche parole, nello spazio di poche pagine, i racconti di Attilio del Giudice offrono un mosaico plurale e irriverente sul mondo attuale, scovando le storie che popolano le periferie, le case più buie, i pensieri più reconditi. Fra le pagine lo spettro di un uccellaccio si aggira sovrano: è l’uccellaccio della letteratura.

icon down
libro polittico
Anno: 2019
Lavoro svolto: scouting e editing
Casa editrice: Caffèorchidea
Autore: Autori vari
Titolo: Polittico
Pagine: 247

Autori: Carmen Pellegrino, Giorgia Tribuiani, Gilda Policastro, Ezio Sinigaglia, Orazio Labbate, Stefano Corbetta, Francesco Borrasso, Silvia Longo, Angelo Di Liberto, Enrico Macioci, Mario Schiavone, Peppe Millanta, Guido Del Giudice, Alessio Romano, Mariasole Ariot, Licia Pizzi, Andrea Zandomeneghi, Valentina Durante.

Frammentario per definizione, il polittico – come questo libro – tiene insieme i suoi pezzi, si fa opera singolare pur contemplando, nella sua struttura, elementi diversi e separati fra loro. Le cerniere che reggono insieme le pagine corrono lungo la molteplicità delle scritture, nel solco delle voci autoriali che ciascuno scrittore ha costruito nel proprio percorso. Le storie si susseguono in un caleidoscopio di immagini, svelano una cosmogonia laica e contemporanea fatta di personaggi minori; restituiscono una pluralità vibrante indagando nelle ferite dei giorni.Diciotto tra i migliori scrittori italiani della nuova generazione – con diciotto differenti angolazioni sul mondo – delineano una mappatura sullo stato del racconto. Spetta al lettore scegliere da che parte cominciare, su quali spazi soffermarsi. Come le pale di un polittico, i racconti di questo libro sfidano il tempo sigillando l’arte della letteratura nello spazio di poche pagine.

icon down
libro virginia nel cassetto
Anno: 2019
Lavoro svolto: scouting e editing
Casa editrice: Caffèorchidea
Autore: Stefano Biolchini
(Direttore de Il Sole 24 Ore cultura)
Titolo: Virginia nel cassetto
(selezionato al premio Campiello 2019)
Pagine: 260

Ci sono storie nascoste, maledette. La famiglia Corsini – nobili e fieri proprietari terrierisardi – per anni è riuscita a nasconderne una. Ma alla morte del padre, Andrea comincia un percorso di ricerca che parte da Parigi, in un piccolo appartamento di famiglia, e tra lettere, foto e racconti arriva fino a Virginia e alle sue peripezie; di queste inizia a scriverne un romanzo. In una Sardegna antica, fra strade di paesi labirintiche, sguardi pesanti e voci di piazza, la storia di Virginia apre uno squarcio sul mondo sardo durante il ventennio fascista, indaga l’orgoglio di una famiglia, la cupidigia dei possedimenti, gli scontri generazionali. E scopre il velo su una storia di coraggio e ribellione, l’epopea di una Nora post-Ibseniana alla ricerca della propria redenzione. Tra le pagine di questo romanzo cariche di tensione emotiva, nel disvelamento di una questione privata, eppure universale, due domande sorreggono il gioco del racconto: Può la letteratura, a distanza di anni, redimere le sofferenze vissute da chi ci ha preceduto? E a quale prezzo?

icon down
libro pasolini
Anno: 2020
Lavoro svolto: scouting e editing (con Giuseppe Girimonti Greco, traduttore, tra gli altri, di Simenon e collaboratore di Adelphi, Einaudi e altre importanti realtà editoriali).
Casa editrice: Caffèorchidea
Autore: Autori vari
Titolo: Nuvole corsare
Pagine: 230

Autori: Ilaria Gaspari, Ivano Porpora, Giorgia Tribuiani, Ezio Sinigaglia, Giorgio Biferali, Alessandro Zaccuri, Gilda Policastro, Simone Innocenti, Diego Bertelli, Iacopo Narros, Serena Penni, Fabio Rocchi, Angelo Di Liberto, Elena Giorgiana Mirabelli.

Al Moma, il principale museo moderno al mondo, danno una retrospettiva integrale della sua filmografia. Abel Ferrara gli dedica un film. Fabrizio De Andrè una canzone. Oriana Fallaci una lettera memorabile. A Roma c’è un noto murale, lo hanno rinomato “la Cappella Sistina di Torpignattara”. Raffigura Pier Paolo Pasolini, in una caduta metaforica tra gironi danteschi che ricordano scene di Salò. È passato tanto tempo dalla sua morte. Tuttavia la voce di Pasolini è ancora viva e la sua opera continua a interrogarci sul mondo che cambia, su noi stessi. Ma è possibile ricostruire una cartografia pasoliniana che sottenda alla letteratura contemporanea? E se sì: che lingua parla, che temi affronta? Quindici scrittori italiani incontrano Pasolini, in altrettanti racconti. Con stili diversi e da angolazioni inaspettate, fra le pagine si delinea un sismogramma aggiornato dell’influenza pasoliniana, le cui onde non hanno mai smesso di vibrare.

icon down
libro aponia
Anno: 2021
Lavoro svolto: editing
Casa editrice: Robotics2000
Autore: Luca Sacchieri
Titolo: Aponìa
Pagine: 303

Luca Sacchieri con questo romanzo si fa delle domande, le stesse domande che potrebbe porsi il lettore leggendo queste pagine. Si chiede: che cosa potrebbe accadere ad una persona se questa perdesse la sensibilità al dolore? Sacchieri ci conduce tra le strade di una Roma a tratti gioviale a tratti oscura e ostile, ci porta all’interno della vita di un giovane uomo che deve fare i conti con una esistenza mutata improvvisamente, con l’amore, che ha deciso di piombargli addosso, e con tutti i lacci che ancora lo tengono legato al suo passato, ai dolori antichi, alle scene che continuano a passargli nella testa. Cosa c’è nel luogo nascosto che ognuno di noi si porta dentro? Che cosa alberga nel cuore degli uomini? Qual è il confine tra odio e violenza? Fin dove abbiamo il coraggio di spingerci per il bene delle persone che portiamo nel cuore?

icon down
libro unseeliest
Anno: 2021
Lavoro svolto: editing
Casa editrice: Robotics2000
Autore: Giuseppe Perrotti
Titolo: Unseeliest e altri racconti liminali

I racconti di Giuseppe Perrotti rievocano alcune atmosfere di Clive Baker, ricordano i deliri di Lovecraft. Storie che spaziano dall'horror al fantasy mantenendo sempre uno stile accurato; pagine in cui si respira la tensione, in cui i colpi di scena si susseguono assumendo i contorni di un incubo. Ogni singolo titolo di questa raccolta è ricco di momenti weird, ogni trama è ben orchestrata. "Unseeliset ed altri racconti liminali" è un libro che affonda le sue radici nella narrativa orrorifica degli anni novanta, qualcosa di fresco e di originale.

icon down
libro trieste senza bora
Anno: 2021
Lavoro svolto: direttore di collana
(editing e scouting)
Casa editrice: Watson Edizioni
Autore: Corrado Premuda
Titolo: Trieste senza Bora
Pagine: 120

Un’affascinante musicista si aggira per le strade di Trieste col suo flusso di pensieri: avrebbe voluto diventare pianista e invece è un’icona della canzone pop. È reduce da una grave malattia e in attesa di un misterioso appuntamento. Un grande artista polacco viene invitato a Trieste per un ambizioso progetto teatrale incentrato sulla storia d’Europa. Tutti sono eccitati a causa della sua presenza ma lui è distratto da altri pensieri, come se il vero scopo di quell’arrivo in città fosse una sua ricerca personale. Un ragazzo si presenta nella casa parigina di una celebre pittrice triestina, è bello e sfuggente, sembra un soggetto dei quadri che lei dipinge, e le confessa una sorprendente rivelazione. Tre artisti colti in un momento privato, cruciale, si aggirano in una Trieste che diventa protagonista e voce. Città inattesa e imperscrutabile, svuotata dal vento e sospesa nel tempo e nello spazio, in tre diversi istanti del secondo Novecento.

icon down
libro domani all'alba
Anno: ottobre 2021
Lavoro svolto: direttore di collana
(editing e scouting)
Casa editrice: Watson Edizioni
Autore: Kareen De Martin Pinter
Titolo: Domani all'alba
Pagine: 200

Due sorelle, due destini. Robi, la figlia non voluta; Tundra, sua sorella minore, la figlia desiderata. Robi, la maschiaccia, quella che assomiglia al padre, un uomo fallito e violento; Tundra, che fa di tutto per assomigliare a sua madre. Robi, quella che non va bene a scuola, Tundra che fa buoni studi e va a vivere all'estero lontana dai legami familiari. Robi che rimane incinta troppo presto, nel solco della maledizione di famiglia; Tundra che non ha figli e insegue l'invisibile, i suoni. Stessa casa, stessi genitori, stessi vestiti, stesse camere, eppure nella realtà due mondi lontani. Il passato di Robi e Tundra ritorna prepotente, e questa volta lo fa per richiedere un sacrificio. Perché poche madri riescono ad essere oneste, pochi padri riescono a non far pesare le scelte forse sbagliate. C’è un solco netto tra volere ed essere costretti ad accogliere. Le colpe dei genitori ricadono sui figli e fanno chiasso e la loro eco non smette mai.

icon down
libro domani all'alba
Anno: dicembre 2021
Lavoro svolto: editing e scouting
Casa editrice: Caffèorchidea
Autore: Gualberto Alvino
Titolo: Pelle di tamburo
Pagine: 190

Un vortice linguistico di inesauribile vitalità, un’invenzione continua e sorprendente che plasma e rigenera, che ammalia e disincanta: da qui nasce e si dipana la storia di e. Donna dei margini, di manicomi e galere, di bassifondi e di strada; da qui la sua storia emerge e si fa canto, e gioca, s’avvampa e grida, diventa elegia e fuoco, inferno e incanto. Da qui sfila un carosello di personaggi sinistri, colti nel loro cono d’ombra, nel rifugio delle notti, nelle malebolge del mondo. E da qui, infine, si specchia e riverbera un taglio vivo nel cuore della società che solo la letteratura può raccontare.

icon down
libro domani all'alba
Anno: ottobre 2022
Lavoro svolto: editing e scouting
Casa editrice: Caffèorchidea
Autore: Licia Pizzi
Titolo: Carbone
Pagine: 165

Romanzo finalista al IV Premio Neri Pozza A Vico Paradiso il rumore dei passi filtra fra le persiane abbassate, attraversa i muri, si infila negli spifferi ed entra nelle case. Ma da qui non esce niente, tutto è chiuso e sordo, e nessuno vede, e nessuno sente. A Vico Paradiso si ritira Armida, pianista dal passato glorioso, che ha dominato i palcoscenici del Sudamerica e dell’Europa. E con lei vive Vera, donna segnata dalle sventure, dalla giovinezza mai fiorita, che ha il dono di saper leggere l’acqua e di custodire i segreti. Fuori c’è il mondo nel groviglio della guerra, dei codici d’onore del regime fascista e dei suoi imperativi sull’uomo audace, incorruttibile e dedito al sacrificio in onore della Patria. Imperativi su cui si regge il folle sogno totalitario del Duce e di una nazione, e che poi, nelle penombre delle strade, di sera, quando nessuno dovrebbe vedere né sentire, si sciolgono nella misera commedia delle passioni umane. Ma è un gioco rischioso, perché quando ci si abitua alla retorica del poter prendere tutto non ci si accorge della piccola ribellione già in atto, e del fuoco che brucia lento, in disparte, e del carbone che lo alimenta. Carbone è un romanzo dalla scrittura raffinata e tagliente. Un meccanismo ad orologeria che ammalia e seduce, scavando al fondo dei sentimenti umani, restituendone le fratture più intime e nascoste e al tempo stesso mostrando, senza indugi, l’insensata spregiudicatezza maschilista che sorregge regimi del passato − e del presente −.

icon down

PROSSIME USCITE